Siamo sicuri che anche a voi non piace buttare il cibo perciò in questo articolo vogliamo darvi qualche consiglio su come conservare le patate nel modo corretto.
Tutti sanno che le patate sono ortaggi che si possono conservare a lungo, ma non tutti sanno qual è il modo corretto per evitare si formino macchie o peggio ancora possano germogliare o marcire.

Questo ortaggio, tra i più apprezzati in cucina per la sua versatilità, è amico della nostra salute in quanto altamente digeribile e saziante senza contenere glutine. È necessario perciò sia conservato al meglio al fine di mantenere inalterate tutte le sue proprietà nutrizionali ed organolettiche.

SI POSSONO MANGIARE LE PATATE GERMOGLIATE?

In tanti ci chiedono se si possono mangiare le patate con i germogli e qui di seguito vi spieghiamo cosa è necessario controllare perché non sempre è possibile mangiare le patate germogliate.

Nelle patate è bene che la presenza di macchie o di eventuali germogli sia minima, in tal modo saremo sicuri che rimuovendo la parte intaccata possiamo salvare il resto del prodotto.

Come in altre piante solanacee infatti anche la pianta delle patate contiene solanina, ma cos’è questa sostanza? È una molecola organica presente in alcune piante a scopo di difesa verso i parassiti, potenzialmente tossica anche per l’uomo. Nelle patate la sua presenza è innocua e non altera le proprietà del prodotto.

Dobbiamo far attenzione a quando le patate sono in cattivo stato di conservazione: se diventano rugose, la polpa non è più soda e presentano molte infiorescenze il contenuto di solanina si concentra ed è preferibile non consumarle.

Patata in germoglio

COME FARE PER CONSERVARE LE PATATE

Come da indicazioni riportate anche sul retro di tutte le confezioni di patate PEPI DORA, sono da seguire le seguenti regole per una corretta conservazione:

  • Scelta del luogo di conservazione idoneo
  • Opportuna temperatura
  • Controllo dell’umidità
  • Corretta aerazione

Il luogo ideale in cui conservare le patate è un ambiente buio, poiché è proprio l’esposizione alla luce che tende a far assumere alle patate un colore verde e farle germogliare, aumentando così la concentrazione di solanina.

Per quanto riguarda invece la temperatura ideale di conservazione, essa è compresa tra i 5° ed i 12° C. Qualcuno potrebbe pensare di mettere le patate in frigorifero invece vi sconsigliamo assolutamente di farlo! È importantissimo non mettere le patate in frigorifero: sotto i 4° gradi infatti il freddo trasforma gli amidi in zuccheri alterando il sapore ed il colore del prodotto.

Il locale in cui vengono conservate le patate dev’essere inoltre asciutto e ben areato. Un eccesso di umidità favorisce infatti l’insorgere di muffe e marciumi, un ambiente troppo asciutto invece provoca un’eccessiva perdita d’acqua nelle patate che diventerebbero raggrinzite.

CONSIGLI PRATICI PER LA CONSERVAZIONE CASALINGA DELLE PATATE

Il luogo domestico ideale per conservare le patate sarebbe una cantina buia ed asciutta, con basse temperature e sufficientemente areata. In pochi però hanno la fortuna di avere un locale simile! Potrebbe andar bene anche un sottoscala o un piccolo ripostiglio in cui non siano presenti termosifoni, tuttavia se si dispone solo di stanze finestrate e ben illuminate dobbiamo avere alcune accortezze pratiche ed alla portata di tutti per aumentare la conservabilità dei tuberi.

Per stoccare il prodotto è possibile utilizzare dei sacchetti che favoriscono la traspirazione e che le riparino dalla luce come quelli di carta scura o juta. Un’idea potrebbe essere, al momento dell’acquisto, di preferire le patate già confezionate nel sacchetto in carta PEPI DORA.
Anche uno scatolone in cartone è un tipo di contenitore molto adatto che permette di preservare dalla luce il prodotto e ne consente una discreta aerazione.

ALTRI MODI DI CONSERVARE LE PATATE

Sappiamo bene che coltivare le patate è una pratica abbastanza diffusa tra chi ha la fortuna di avere un orto domestico, pertanto qualora si avesse una eccessiva quantità di tuberi si potrebbe optare anche per altri modi di conservazione. Questi metodi ovviamente valgono anche per chi ne avesse acquistato in eccedenza o perché no, per non buttare il prodotto in vista di una vacanza.

  • CONGELARE LE PATATE
    In precedenza abbiamo detto che le patate temono in freddo ed infatti l’unico modo in cui possono essere congelate è da cotte. Per metterle in congelatore è necessario prima farle cuocere (che sia in padella, al forno o al vapore va comunque bene) poi farle raffreddare, solo successivamente è possibile congelarle.
  • ESSICCARE LE PATATE
    Un altro metodo utile a conservare le patate è essiccarle. Chi avesse un essiccatore in casa può infatti utilizzarlo anche coi tuberi per creare delle chips. In alternativa la farina di patate secche si può usare nelle minestre o per fare un purè, le patate essiccate si possono anche utilizzare nel dado vegetale.

Speriamo di avervi dato tanti consigli utili per aiutarvi a conservare al meglio le patate e ridurre così lo spreco alimentare e gustare le nostre buonissime patate PEPI DORA nel modo che più preferite!